il concerto degli offlagadiscopax a torino.

Narrare parte della storia di un paese è di solito compito degli storici, che però scrivono libri, e i libri vanno letti per capire, altrimenti, tanto vale. Gli Offlaga sono degli audio libri in carne ed ossa, ti parlano della storia, la loro ma anche un pò la nostra, sono essenziali, nostalgici quanto basta, provinciali, socialisti ma soprattutto emiliani, nati  e vissuti negli anni in cui “il partito comunista prendeva il 74% dei voti e la democrazia cristiana il 6%”, sono di Reggio Emilia. Insegnano e ti fanno venire voglia di imparare, col dizionario sul palco e il Toblerone in bella vista, e poi con quell’accento lì.

“Ho fatto l’esame di seconda elementare nel 1975.
Il socialismo era come l’universo: in espansione.
La maestra mi chiese di Massimiliano Robespierre.
Le risposi che i Giacobini avevano ragione e che,
terrore o no la Rivoluzione Francese era stata una cosa giusta.
La maestra non ritenne di fare altre domande.
Ma abbiamo anche molti ricordi di quel piccolo mondo antico fogazzaro:
- l’astronave da trecento punti di Space Invaders
- Enrico Berlinguer alla tv
- le vittorie olimpiche di Alberto Juantorena in nome della Rivoluzione Cubana
- i Sandinisti al potere in Nicaragua
- il catechista che votava Pannella
- gli amici del campetto passati dalle Marlboro direttamente all’eroina alla faccia delle droghe leggere
- i fumetti di Zora la vampira porno e la Prinz senza ritorno
- il referendum sul divorzio e non capivamo perché se vinceva il No il divorzio c’era e se vinceva il Si non c’era
- Anna Oxa a Sanremo conciata come una punk londinese
- i Van Halen
- la prima sega
- la vicina di casa, un travestito ai più noto come Lola che mia madre chiamava Antonio con nostro sommo sbigottimento
- Jarmila Kratochivilova
- il Toblerone, qualcuno sa perché
- una scritta degli ultras della Reggiana dopo il raid aereo americano su Tripoli negli anni ottanta.
Diceva: “grazie Reagan, bombardaci Parma”
- e poi la nostra meravigliosa toponomastica:
Via Carlo Marx
Via Ho Chi Minh
Via Che Guevara
Via Dolores Ibarruri
Via Stalingrado
Via Maresciallo Tito
Piazza Lenin a Cavriago
E la grande banca non più locale con sede in via Rivoluzione d’Ottobre.
- e infine il mio quartiere, dove il Partito Comunista prendeva il 74% e la Democrazia Cristiana il 6% ”

Canon Eos 1D Mark IV

About these ads
2 commenti
  1. Non siamo di Cavriago, non abbiamo mai vissuto a Cavriago, abbiamo solo scritto una canzone su Cavriago. Tutto il nostro terzo album parla di Reggio Emilia, che è la nostra città, tutte le vie elencate di “Robespierre” sono a Reggio Emilia, infatti è specificato che Piazza Lenin è a Cavriago perchè tutte le altre non sono a Cavriago ma a Reggio Emilia. In copertina sul vinile di “Gioco di Società” c’è la nostra città, che è Reggio Emilia, dove siamo nati e vissuti. Sta leggenda che siamo di Cavriago prima o poi riusciremo a sconfiggerla. Forse.

  2. Compagno Vero ha detto:

    A Cavriago tirano un sospiro di sollievo….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 50 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: