archivio

Archivio mensile:gennaio 2012

Weeks ago we were in La Thuile hosted by Mary and his family at “Lo Riondet” restaurant. Full moon, good friends and tons of food! Enjoy!

via aostavalleyfreeride.com

Read More

Annunci

Quella sera Layne ha fatto la cena perchè aveva trovato lavoro. Cioè non che sia disoccupato ora, nel senso ora lavora e quella sera voleva condividere la sua gioia con noi. Almeno credo. I Clash lo cantavano anni fà, ma tutto torna, noi siamo fortunati, pastori nel gregge, ma fino a quando? Non ho tutta sta voglia di esaminare robe ora. Ho il mio whisky, la musica e un letto che mi aspetta. Si sono egoista e penso a me. E tu invece? Cazzo pensi? Siamo tutti uguali, non è che risolvi i problemi del mondo se ci pensi, tanto in giro per le città c’è scritto che Gesù sta arrivando. Ok, ma dove? E con che mezzo poi? Non è che Gesù arriva con il carretto, cioè non me lo immagino,siamo nel 2012 cazzo avrà almeno un Murcielago, o una di queste qua che si è fatto fare dal suo amico Lapo, comunque non ci credo mica totan. Vabbè vorrei parlare ancora ma mi sto consumando da solo quindi buonanotte. Maledetto Bowmore.

Minolta XD7 + Lomo bw 400

Read More

Quest’anno l’inverno è arrivato tardi, intimorito da quel sole che a fine novembre sembrava di stare più o meno a fine settembre. Si va a camminare allora, con Francesco e Rob dopo una notte di lavoro, due brioches al volo e un caffè. La colazione vera ci aspettava negli zaini, una bottiglia di Enfer, formaggio, mocetta e un pò di pasta. Non abbiamo incontrato nessuno quel giorno, solo le campane che ci hanno suonato la partenza da Blavy, nel pieno risveglio della Valle, quasi che non ci volevano lì e in effetti una volta in cima è stato difficile andarsene, si stava divinamente, cullati da quel panorama presque infini e con lo stomaco pieno. Una giornata di cuore, di compagnia. Una bella giornata.

Canon Eos 1D Mark IV

Read More

La meta era il Bivacco Ravelli, 2860 mt. Era quella perchè a quel bivacco io e René non ci siamo mai arrivati. L’abbiamo visto, laggiù, a qualche centinaia di metri da noi. Pensavamo a una camminata post autunnale, neve si ma poca e compatta. Invece superati il bosco di Truche con i suoi larici secolari e il vallone dell’Invergnan ci siamo ritrovati affacciati su una vallata stupenda dove la passata nevicata aveva resistito, e molto bene. Peccato non aver avuto dietro gli sci. Abbiamo così optato per una meta molto meno ardita e più facilmente raggiungibile, una piccola cresta ai piedi del ghiacciaio dell’Invergnan, proprio sotto la Grande Rousse Sud (3572 mt). La modestissima cresta Pervinca, a circa 2700 mt. Foto e discesa per un fugace pranzo al sole di Dicembre, con una dose considerevole di “se” e “ma”, classica birretta nel bar di Valgrisenche e ritorno a casa. Una bella domenica mattina, preludio di una serata senza tempo.

Canon Eos 1D Mark IV

Read More